in (8)

Ciao a tutti!

IT: Sono appena rientrato dai miei impegni negli Stati Uniti, più precisamente nella Città di St.Louis dove sono stato visting professor alla Washinton University in St.Louis. Mi trovavo quindi nello Stato del Missouri, un paesaggi o bellissimo creato dalle insenature del fiume Mississipi e di cui proprio il fiume Missouri è  uno dei principali affluenti. Per chi come me ha iniziato ad ascoltare la musica blues all’età di 14/15 anni, vedere dall’aereo lo scorrere del Mississipi è un’esperienza stupenda.

10440994482?profile=original

EN: Come back home from U.S.A. where I was visiting professor at the Washington Universty in St.Louis. For me It was a great experience, I met kindly and huge people during all my days there. So proud to be part for some days of the huge Jazz at Holmes concerts series where many of the most important musicians of the world played. I met William at the Jazzit Fest in Collescipoli (TR) few years ago. Few months later we kept in touch via email and we talked about the possibility to create some musical project together. At the WUSTL I attended two conferences regarding the main characteristics of the italian music from Baroque age to Romanticism and a concert at the beautiful Jazz at Homes concerts series introducing some our arrangements of music from Opera Italiana or original tunes. I would like to say “thank you” to all the people came at the concerts, to all the students I met at the WUSTL, at the great players of Sogni d’Alba Strings Trio and especially to William and Washington University in St.Louis for having me. Thanks to Ed for the recordings of the concert, to William, Emily, Jay and Vince for our great friday eve in St.Louis!

IT: L’incontro 

Circa tre anni fa nel bellissimo e suggestivo paese di Collescipoli (TR) durante la tre giorni in occasione del Jazzit Fest, ho avuto occasione di conoscere il Professor William Lenihan, eccellente musicista e compositore americano. Era stato Antonio Vanni all’epoca a presentarci: William avrebbe tenuto un bel concerto poco dopo e aveva bisogno di una chitarra e così gliela prestai. Da lì abbiamo iniziato a scriverci via email, a incontrarci in altre occasione e così la stima reciproca è cresciuta fino a pensare di realizzare un progetto insieme.

10440995063?profile=original

Il Progetto

Filippo Cosentino&William Lenihan feat. Sogni d’Alba Strings Trio (clicca qui sopra per ascoltare un piccolo estratto del concerto)

Il quintetto ha esordito il nell’ottobre 2017 proprio nella prestigiosa Wasghinton University in St.Louis nella quale sono stato visiting professor: ha tenuto anche due importanti lecture sull’e voluzione della cultura musicale italiana nei secoli, sullo stile compositivo e sulle principali caratteristi che dalle composizioni da Claudio Monteverdi a Donizzetti, dal barocco al romanticismo. Per il concerto inaugurale del progetto, Lenihan e Cosentino hanno arrangiato per la formazione del quintetto diverse celebri composizioni italiane tratte dal repertorio d’Opera all’italiana o dalle musiche del cinema e presentando anche alcune composizioni originali. 

10440995295?profile=original

10440995456?profile=originalRingraziamenti 

Vorrei inviare uno speciale ringraziamento a William per avermi invitato e alla Washington University in St.Louis per avermi ospitato e dato questa opportunità per far conoscere la mia musica e alcuni aspetti legati alla cultura musicale italiana. A Amy, Victoria e Marcia per aver suonato i nostri arrangiamenti, al pubblico e agli studenti presenti alle due conferenze e al concerto, a Jazz at Holmes per aver reso possibile un concerto in un luogo affascinante. Ai bei luoghi italiani, Collescipoli e Jazzit Fest, che hanno permesso l’incontro mio e di William. A Ed per aver ripreso il concerto. A William, Emily, Jay e Vince per il bellissimo venerdì sera trascorso insieme.

Read more…

A brevissimo sarà in distribuzione il materiale informativo sulla rassegna internazionale "San Giuseppe in jazz", che potete scaricare qui sotto.

 

Vi ricordo che la prevendita dei biglietti comincia sabato 22 gennaio.

Le modalità di acquisto dei biglietti dei concerti sono le seguenti:

 

Tre concerti in abbonamento euro 25

18 febbraio: Tango in jazz

19 febbraio: Da Ellington a Monk

20 febbraio: Disney in jazz

 

Un concerto euro 10 (fino ad esaurimento posti)

 

I biglietti prenotati vanno ritirati entro e non oltre le ore 19 del giorno del concerto nella Chiesa di San Giuseppe

 

Punti vendita biglietti e abbonamenti:

Discolandia - Via Vittorio Emanuele 19 (Galleria della Maddalena), Alba

MusicArt - Via Bertero 8, Alba

Gazzetta d'Alba - Piazza San Paolo 12, Alba

Centro Culturale San Giuseppe Onlus - Piazzetta Vernazza 6, Alba

 

Per informazioni e prenotazioni telefoniche chiamare i seguenti numeri: 3347867028 - 3338899827 oppure scrivere una mail a milleunanota.alba@libero.it

 

Scarica il depliant:

Depliant 1

Depliant 2

 

10440991066?profile=original

Read more…

10440990262?profile=original

Proprio nei giorni in cui mi trovo a iniziare l'anno in musica, registrando un nuovo disco per l'etichetta Emme Produzioni Musicali al Tube Recording Studio di Fara in Sabina, con la fortuna di avere al mio fianco in quest'avventura musicisti del calibro di Jesper Bodilsen, Andrea Marcelli e Antonio Zambrini, è arrivata una bellissima notizia. Sono stato inserito nel Top Jazz, lo storico referendum di Musica Jazz, nella sezione dedicata al Miglior Nuovo Talento. E' questo, un riconoscimento che mi emoziona profondamente, e voglio ringraziare chi ha pensato a me per questa categoria e mi ha votato. Grazie!

Read more…

METEORITE IN GIARDINO 4

21 luglio ore 21.30, Fondazione Merz

Maurizio Vetrugno presenta Lead Baloon (2011)

Performance musicale di Elisa Marangon, Filippo Cosentino e Giovanni Sanguineti

In collaborazione con Albamusicfestival e Novalis Contemporary Art

Rassegna a cura di Maria Centonze e Willy Merz

Dal 28 giugno al 19 novembre 2011

 

Per la rassegna di arte e musica Meteorite in Giardino 4, l’artista Maurizio Vetrugno presenta alla Fondazione Merz Lead Baloon (2011), unitamente al jazz del trio composto da Elisa Marangon, Filippo Cosentino e Giovanni Sanguineti. L’opera presentata in anteprima lo scorso 23 maggio all’Alba Music Festival di Alba sarà visibile, insieme ai lavori presentati di volta in volta durante le serate, fino al 2 ottobre 2011.

Lead Baloon di Maurizio Vetrugno è una scultura formata da tre boomerangs in legno, presentati come lacche cinesi nere e rosse o lasciati nel loro colore naturale di hardwood trattato ad encausto: montati ognuno su una barra metallica sottile e basculante, sono poggiati a loro volta su una base di andesite. L’artista, come sempre nel suo lavoro, pratica una forma di scultura che rimanda ad oggetti di uso quotidiano che, lui stesso afferma,“ vengono in qualche modo traditi nelle loro funzioni. Nella deviazione del buon senso inteso come senso comune. Questi oggetti, i boomerangs, non avrebbero potuto essere dipinti, né ricamati come immagine su una tela, né fotografati. Rimandano solo a se stessi come oggetti negati”. In questo caso il boomerang, usato ancora oggi come arma da caccia, conserva nella fantasia collettiva qualcosa di magico; inoltre, il suo ritrovare la strada e rifare al contrario lo stesso percorso da cui è partito, ha fatto sì che l’oggetto potesse diventare un giocattolo dall’apparenza innocua, a differenza di altre armi-giocattolo. Il titolo dell’opera (letteralmente pallone di piombo), in contrasto evidente con la scritta che ognuno porta I Love You, definisce di fatto uno stato d’animo: un messaggio che può o è diventato uno Scherzo Pesante. Viene in mente che la dichiarazione d’amore lanciata con un oggetto contundente non possa tornare indietro senza rischi. Perché palloni di piombo? Si sa che quelli non volano se non con un propulsore di energia che può essere anche negativa! “Il boomerang è pur sempre un'arma, il cui scopo che non sfugge a nessuno, è di tramortire il bersaglio o ritornare nelle mani di chi sta cacciando. E' cosi che succede nella lotta amorosa?” si chiede l’artista Maurizio Vetrugno, “è ancora lecito parlare di amore? E comunque questi boomerangs che dopotutto potrebbero anche volare, tornano davvero nelle mani di chi li lancia senza che ci sia stato una perdita da parte del cacciatore? Questo è lo scherzo pesante...”

La grande musica jazz del Novecento è protagonista del programma musicale della serata: l’inedito trio Marangon-Cosentino-Sanguineti propone un viaggio attraverso melodie e armonie che hanno contribuito a trasportare nella modernità questo linguaggio musicale. Modernità appunto: spesso grazie al genio dei compositori si è suonata musica “fuori dalla propria epoca” ed è il caso dei brani di Duke Ellington e Cole Porter che hanno scritto melodie meravigliose ma con armonie – e regole - che solo qualche decina d’anni più tardi si sarebbero trasformate in consuetudine compositiva. Tre sono le caratteristiche principali che un brano jazz deve possedere: la prima è la sorpresa, ovvero stupire l’ascoltatore; la seconda è la varietà data dalla componente africana che questa musica si porta dietro e l’ultima è quel-non-so-che data dall’influenza iberica di cui il jazz ha tanto risentito. Questi elementi hanno agito sui compositori in diverse maniere e spesso ha portato alla realizzazione di pagine di musica più riflessiva e meditativa come quella proposta con i brani di Kenny Wheeler e A.Carlos Jobim.

Maurizio Vetrugno è nato a Torino nel 1957. Vive e lavora tra Torino e Bali, Indonesia. Pur spaziando per i più svariati media, dalla fine degli anni '80 comincia ad esplorare la tecnica del ricamo, attraversando una fase concettuale, seguita poi da una più narrativa. Dagli anni ’90 inizierà a viaggiare in Oriente. Le sue opere vengono esposte in personali e collettive in tutto il mondo.

Filippo Cosentino è ad oggi uno dei chitarristi più ricercati del panorama musicale. Ne fanno fede il già importante numero di partecipazioni che ha collezionato sia in tournèe che in ambito discografico, teatrale e cinematografico. Chitarrista apprezzato per la sua versatilità, ha partecipato ad importanti festival italiani ed internazionali. È Direttore Artistico del Premio Targa Milleunanota, del festival Cantautori d’Italia.

Elisa Marangon è cantante e pianista, laureata al Conservatorio “G.B.Martini” di Bologna. Intensa la sua attività concertistica di cui si apprezza l'originalità del repertorio proposto e degli arrangiamenti: nel 2010 ha inciso il suo primo Ep.

Giovanni Sanguineti è membro dell’International Society of Bassists di Dallas dal 2000. Didatta alla “Scuola di educazione ed avviamento musicale - Storti" di Genova, nel 2002 ha partecipato ai corsi di “Alta Qualificazione Professionale – Siena Jazz”, e al corso di alta qualificazione professionale specifico per trio “Trio Incontri”, condotto dai maestri Stefano Battaglia, Paolino Dallaporta e Fabrizio Sferra.

 

Ingresso libero 

Informazioni: tel 011.19719437 - www.fondazionemerz.org - info@fondazionemerz.org

Ufficio Stampa: Ilaria Gai + 39 338 9230234 - Carola Serminato + 39 349 1299250 stampa.fondazionemerz@gmail.com

Read more…

Carissimi amici,

Lunedì mattina 3 febbraio 2014 il brano "Message in a Bible" da "Human being", il nuovo disco del Filippo Cosentino Trio feat. Michael Rosen, sarà trasmesso alle 9.30 su Rai Radio 3 a Primo Movimento.

Sintonizzatevi!

Buon ascolto!

Filippo

10440989269?profile=originalHuman being - Filippo Cosentino Trio feat. Michael Rosen

Shop online on Amazon

Ordina subito il cd fisico scrivendo a info@filippocosentino.com

Read more…

Grazie! Pensando alla prima edizione della rassegna San Giuseppe in jazz mi viene in mente soltanto una parola: grazie, appunto. Ed è rivolto a tutti gli addetti ai lavori e collaboratori delle associazioni coinvolte, Centro Culturale San Giuseppe e Milleunanota, agli sponsor, agli amici musicisti che ci hanno accompagnato e ai grandi ospiti: Javier Girotto, Tom Kirkpatrick e Barend Middelhoff.

Un ringraziamento speciale lo devo rivolgere a Roberto Cerrato che ha creduto in questa avventura e con il quale si è intrapreso un percorso artistico, l’ennesimo, che porterà ad Alba artisti e cantanti jazz di livello internazionale. Come territorio abbiamo anche grandi potenzialità artistiche e tutte le iniziative cultural-musicali, mi viene da pensare alle altre grandi realtà musicali della città, servono per creare una scena locale…ne trarranno giovamento le generazioni future!

Nei giorni precedenti al concerto ho ricevuto diverse telefonate da amici musicisti e direttori artistici di importanti festival per augurarci una prima rassegna ricca di soddisfazioni; segno anche di un apprezzamento che ha passato il confine territoriale. Di soddisfazioni ne abbiamo avute molte e mi va di ricordarne due su tutte: la prima riguarda il coinvolgimento del pubblico che è sempre stato caloroso, generoso e numeroso lungo tutta la rassegna; la seconda è una sentito ringraziamento a chi, anche grazie al volontariato, fa si che si possa godere di una cornice così bella e affascinante: la chiesa di San Giuseppe. Un sincero saluto che è soltanto un arrivederci agli appuntamenti autunnali del San Giuseppe in jazz.

Filippo

Read more…

Appuntamenti della settimana

Amici, vi aspetto nel fine settimana per la prima edizione della rassegna internazionale San Giuseppe in jazz, che il Centro Culturale San Giuseppe organizza con l'Associazione Milleunanota. Vi ricordo il programma dei concerti:

 

Venerdì 18 febbraio 2011 h. 21, Chiesa di San Giuseppe (Alba)

Tango in jazz

Javier Girotto: saxofono
Filippo Cosentino: chitarra
Simone Pirisi: contrabbasso
Carlo Gaia: batteria

 

Sabato 19 febbraio 2011, h. 21, Chiesa di San Giuseppe (Alba)

Da Ellington a Monk

Tom Kirkpatrick: tromba
Filippo Cosentino: chitarra
Simone Pirisi: contrabbasso
Carlo Gaia: batteria

 

Domenica 20 febbraio 2011, h. 18, Chiesa di San Giuseppe (Alba)

Disney in jazz

Barend Middelhoff: saxofono
Filippo Cosentino: chitarra
Simone Pirisi: contrabbasso
Carlo Gaia: batteria

 

Modalità di acquisto dei biglietti:

Tre concerti in abbonamento euro 25 

Un concerto euro 10 (fino ad esaurimento posti)

 

Punti vendita biglietti e abbonamenti:

Discolandia - Via Vittorio Emanuele 19 (Galleria della Maddalena), Alba

MusicArt - Via Bertero 8, Alba

Gazzetta d'Alba - Piazza San Paolo 12, Alba

Centro Culturale San Giuseppe Onlus - Piazzetta Vernazza 6, Alba

 

Per informazioni e prenotazioni telefoniche chiamare i seguenti numeri: 3347867028 - 3338899827 oppure scrivere una mail a milleunanota.alba@libero.it

Non mancate!

Read more…